Studi legali sempre più grandi. Il 2019 è l’anno delle aggregazioni – Italia Oggi –

    Team_Valletta_VRA

    Antonio Ranalli ha condotto per Italia Oggi un’indagine sulle aggregazioni professionali nate durante il 2019.

    Il 2019 si prospetta come l’anno delle fusioni tra studi legali. Gli ultimi mesi sono stati caratterizzati da un inedita vivacità del mercato legale. Aspetto che in passato riguardava soprattutto i grandi studi internazionali che, nel momento in cui si apprestavano ad aprire sedi in Italia, molte volte procedevano all accorpamento di studi già esistenti e con cui c erano già un rapporto di collaborazione. Un fenomeno che invece oggi riguarda soprattutto realtà di varie dimensioni, con una vivacità anche nelle realtà di provincia, sempre con l obiettivo di crescere ed espandersi sul mercato.

    All inizio di quest anno lo studio Villa & Villa e Associati e lo studio Roveda e Associati hanno dato vita a una nuova Associazione Professionale, Villa Roveda e Associati (VRA) con uffici a Milano e a Lodi. Un organizzazione composta da 20 professionisti (commercialisti, avvocati e consulenti del lavoro) di cui sei soci e circa trenta collaboratori.
    «VRA è uno Studio che nasce nel solco di una consolidata tradizione professionale, potendo contare su oltre 70 anni di storia»; spiega Emiliano Villa, managing partner di Villa Roveda e Associati. «Abbiamo realizzato un progetto che prosegue, innovando, l esperienza di tre generazioni di professionisti e combina le diverse competenze esistenti in un unica realtà integrata. I clienti apprezzano il fatto di potersi rivolgere a un unico interlocutore che diviene così il punto di riferimento per realtà imprenditoriali domestiche e per branch italiane di realtà multinazionali. L’unione dei due studi ci ha anche permesso di raggiungere un più alto livello di efficienza, anche grazie alla completa digitalizzazione dei processi. Elementi fondanti che hanno contribuito all unione tra i due studi sono la condivisione dei valori e dell approccio alla professione».

    Clicca qui per leggere l’articolo completo in formato PDF